TAMURAKAFKA SONMI 451 copertina.jpg
TAMURAKAFKA inlaycard PRINT_page-0001.jp

SONMI-451

A sette anni dall’uscita del primo lavoro, dedicato al libro “Kafka sulla spiaggia” di Haruki Murakami, Tamurakafka torna con un nuovo concept album (musica a programma), liberamente ispirato al romanzo di David Mitchell “Cloud Atlas”. Il disco è un viaggio attraverso quindici brani, che traggono il nome dai personaggi del libro e dalle sue atmosfere.

Il racconto di Mitchell è per Tamurakafka uno spunto da cui partire per riflettere sulla funzione dell’arte, sulle relazioni umane e sul futuro. In Sonmi-451 le diverse forme e generi musicali aiutano a rappresentare sensazioni e conflitti del vivere contemporaneo. La band si affida alla teoria degli affetti di seicentesca memoria, in cui si identificava ogni affetto con uno specifico stato d'animo (es. gioia, dolore, angoscia) che veniva rappresentato da particolari figure musicali definite figurae o licentiae (licenze), ossia, piccole anomalie inserite nell’andamento del brano per suscitare determinate emozioni nel pubblico.

Nell’album è presente anche la forma del reading: i temi concettuali che si ritrovano nelle parole del narratore rappresentano la struttura portante del lavoro. 

In linea con l’idea che il mondo è fluido e che i concetti sono gabbie che limitano la libertà, i generi musicali restano volutamente poco definiti e poco riconoscibili, lasciando tutto aperto all’interpretazione e al sentire personale.

TAMURAKAFKA%20leporello%20bozza2-2_edite